logo

In Evidenza

Anna Maria Gennari Bonadies

Nasce a Torino il 31 gennaio 1929. Diplomata al liceo classico, si iscrive al Pci nel 1951, dopo essere stata simpatizzante democristiana nell'immediato dopoguerra (per la precisione dal 1945 al 1947, presso la sezione Dc di Alpignano).

All'impegno nel partito affianca fin da subito quello nelle associazioni collaterali comuniste (Associazione pionieri d'Italia e Unione donne italiane).
Dopo aver frequentato, tra il 1953 ed il 1954, le scuole di partito, locali e nazionali, viene indirizzata al lavoro sindacale presso la Camera del lavoro di Torino. Nel 1957 viene nominata segretaria della federazione provinciale dei lavoratori tessili. In questa veste si fa apprezzare per le sue grandi capacità organizzative e di direzione, acquisendo notevole prestigio presso il partito ed il sindacato e grande popolarità personale. Partecipa in prima persona alla lunga e dura vertenza che vede contrapposte le maestranze, in gran parte femminili, del Cotonificio Valle Susa e l'azienda, di proprietà di Felice Riva, durata ben cinque mesi, dal settembre 1960 al febbraio 1961, e conclusasi con importanti miglioramenti contrattuali.
Che la sua fosse una carriera in costante ascesa è confermato dal suo ingresso nel Consiglio provinciale di Torino nel 1960 e, soprattutto, dall'elezione alla Camera dei Deputati, in occasione delle politiche del 1963, nel collegio Torino-Novara-Vercelli, dove ottiene oltre 3.200 voti di preferenza.
La sua vita si interrompe tragicamente a Torino la mattina del 4 giugno 1963, quando, alla guida della sua Fiat 500, Anna Maria si scontra con un autocarro in corso IV Novembre, mentre si sta recando ad una riunione sindacale. Aveva da poco compiuto 34 anni. Lascia il marito Giuseppe Bonadies, sposato nel 1951, e la figlia Donatella.

Back to top